menu

Gioin 2017, le start up aiutano le imprese

Il Mattino di Padova – Padova – 14 marzo 2017

http://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca/2017/03/14/news/gioin-2017-le-start-up-aiutano-le-imprese-1.15030625?ref=search

Giovedì a Padova l’esordio a Nordest della rassegna di incontri per incentivare gli investimenti

PADOVA. Le start up innovative non solo come fenomeno di costume ma come obiettivo di investimento e di rilancio tecnologico per le imprese. Questo il messaggio di Gioin 2017, il ciclo di 6 incontri di respiro nazionale che a Padova, giovedì 16, avrà il suo esordio a Nordest. E i vantaggi fiscali e tecnologici per chi sceglie di investire nelle oltre 6.700 start up innovative presenti ad oggi in Italia sembrano attirare un folto pubblico di imprenditori e scienziati, amministratori di enti pubblici e uomini di business. Ad animare la tappa nordestina del road show targato Digital Magics è Gianni Potti, referente dell’incubatore d’innovazione per il Nordest.

In un contesto caratterizzato dalla volontà delle imprese di investire in Fabbrica 4.0 ma pure di grande penuria di capitali, perché le Pmi dovrebbero spendere denaro in supporto alle start up innovative del territorio?

«Stiamo parlando di un fenomeno che rappresenta il nuovo reparto di ricerca e sviluppo delle imprese. Quando si parla di Open innovation si parla del futuro della stessa nostra economia. Soprattutto per le pmi che non possono permettersi di mantenere strutture costose partecipare in start up che permettono una contaminazione di idee e professionalità garantisce risultati di sviluppo decisamente interessanti».

Padova può essere al centro di una rivoluzione digitale che passa per le start up?

«I numeri di Infocamere parlano di una crescita del numero delle start up innovative del 40% tra giugno 2015 e giugno 2016, mentre tra marzo 2015 e marzo 2016 i posti di lavoro nel settore sono aumentati del 56%. E Padova è protagonista di questi numeri rappresentando, con 154 nuove imprese innovative, la prima provincia del Veneto con quasi un terzo delle 530 start up della regione. Ma questa centralità è più forte se le start up si legano te al tessuto manifatturiero. Questa è la funzione del primo business incubator italiano che è Digital Magics».

Un parterre di ospiti di eccellenza per l’evento organizzato giovedì all’auditorium Vodafone di Piazza Bardella alla Stanga. Quali i principali ospiti dell’iniziativa?

«I vantaggi sugli investimenti saranno riassunti da Alessandro Malacart e Matteo Rosso, l’uno corporate&finance di Digital Magics e l’altro advisor di Ernst-Young di Industry 4.0, due esperti del settore. Ci sarà anche Marco Gay, presidente nazionale dei giovani di Confindustria, il rettore dell’Università di Padova, Rizzuto, il presidente veneto di Confindustria, Zoppas, e molti altri. Avremo anche la testimonianza di 4 startupper che stanno facendo open innovation ai massimi livelli». (r.s.)